Pubblicato il 10 Marzo 2024

Come affrontare il Ramadan 2024 durante un viaggio in Oman, Emirati Arabi o Giordania

Come affrontare il Ramadan 2024

Se siete in partenza per l’Oman, Emirati Arabi o Giordania vi daremo alcuni consigli su Come affrontare il Ramadan 2024 durante il viaggio. Domenica 10 marzo inizierà il Ramadan e terminerà Lunedi 8 aprile. Per chi ne avesse bisogno, vi rimettiamo le informazioni su cosa cambia nelle destinazioni di Oman, Emirati Arabi e Giordania, e vi daremo anche qualche piccola indicazione sugli usi e le tradizioni.

Come affrontare il Ramadan 2024

Cos’è il Ramadan?

Il Ramadan è il nome del nono mese dell’anno nel calendario lunare musulmano, nel quale, secondo la tradizione islamica, Maometto ricevette la rivelazione del Corano “come guida per gli uomini di retta direzione e salvezza” (Sura II, v. 185).

Quando cade il Ramadan?

Il mese sacro del digiuno del Ramadan cade, quest’anno, dal 10 marzo all’ 8 aprile (le date possono variare fino a 2 giorni secondo la posizione lunare!) tutti gli anni arriva 11 giorni in anticipo rispetto all’anno precedente e questo è dovuto alla differenza tra il calendario lunare (che conta 354 giorni) e il calendario gregoriano comunemente usato (365 giorni).

L’obiettivo principale del mese sacro del Ramadan è quello di “resettare”; è un mese dedicato alle meditazioni e alle buone azioni, si prova a tornare ai precetti fondamentali dell’Islam che sono la carità e l’altruismo oltre, ovviamente alla preghiera e alla dedizione verso Dio (Allah)

Durante questo mese tutti i musulmani rispettano l’astinenza dal mangiare e dal bere (anche l’acqua), dal fumare, dall’avere rapporti intimi nel periodo che va dal sorgere del sole fino al tramonto.
Oltre a queste pratiche, le più note anche a noi, ci sono altri comportamenti che vengono attuati, come non offendere o insultare il prossimo, non parlare male di altre persone nella loro assenza, bestemmiare od essere ingrato nei confronti di Dio ( Allah).

Durante il Ramadan anche è molto gradito donare ed aiutare chi ha bisogno, riprendere di più i rapporti sociali con i parenti, o provare a incitare chi si ha vicino ad appianarne i contrasti, cercare di non litigare con nessuno ed essere più tolleranti, pregare di più ed essere più vicini al nostro Dio.

E per chi ha problemi di salute?

Il digiuno è obbligatorio a persone adulte e in salute, quindi chi patisce certe malattie non deve praticare il digiuno. Anche le donne in fase di allattamento, ciclo mestruale o gravidanza non devono osservare il Ramadan durante quel periodo.

Secondo alcuni recenti studi il digiuno praticato durante il Ramadan è assolutamente salutare, anzi, addirittura consigliato!!! Il corpo, dopo i primi giorni in cui ci si abitua a un “ritmo” di vita differente, si assesta e si “depura”, che è esattamente lo scopo primario del precetto del mese sacro, ripulire sé stessi!!

In sostanza, l’obiettivo di questo mese è riportare l’esatto equilibrio alle priorità, renderci conto di quante cose buone e belle vengono messe dinanzi a noi dal Signore. Ricordarsi che nel mondo ci sono tante persone bisognose e in sofferenza, che è importantissima la carità (uno dei 5 precetti dell’ISLAM – Zakat) e che non dobbiamo dare nulla per scontato.

Alla fine dei 30 giorni di Ramadan, si festeggia Eid Al Fitr, che sarebbe la festa dell’interruzione del digiuno (dall’alba al tramonto) dopo i 30 giorni.

Cosa cambia per i turisti in vacanza?

Negli Emirati Arabi, e Giordania tutto rientra nella normalità durante le giornate del Ramadan.

Non ci sono restrizioni sulle aperture dei ristoranti e locali per pranzo e, solitamente, vengono allestite le cosiddette ” Tende del Ramadan“, dei locali temporanei dove si incontrano le persone per l’Iftar ovvero il pasto che viene consumato giornalmente al tramonto. Di solito le tende del Ramadan sono aperte tutte le sere con un ambiente ed un’impronta ben tipica di questo mese.

Invece in Oman, durante il Ramadan, i ristoranti sono chiusi alla consumazione in pubblico durante il giorno. Si può però fare il take away per portare il mangiare a casa o in albergo. Negli alberghi invece, ci sono dei ristoranti aperti appositamente per i turisti che non osservano il Ramadan.

In Arabia Saudita, come per l’Oman, si rispettano in modo più attento le tradizioni religiose e non dimenticate che durante questo sacro mese, tantissimi fedeli musulmani si recano in pellegrinaggio verso questa zona, pertanto, consigliamo di viaggiare verso l’Arabia Saudita in periodi fuori dal mese sacro

Come affrontare il Ramadan 2024

Quali tipicità assaggiare?

Ci sono 2 dolci tipici di questo mese che sarebbero la “Kunafa” che è una pasta kataifi che spesso viene farcita con della frutta secca e bagnata con il miele e le ” Katayef” sono una specie di panzerotti fritti dolci ripieni con la frutta secca o la panna, sempre bagnate nello sciroppo di miele.

Per lo scambio degli auguri in vista di quest’occasione vengono utilizzate due espressioni “Ramadan Mubarak” o ” Ramadan Kareem” cioè Buon Ramadan!!

Ramadan 2024

Scopri le offerte clicca qui e seguici sui nostri social Facebook, Instagram o Tik Tok